Seleziona una pagina

Blog

Qui trovi diversi articoli rivolti a genitori, educatori e insegnanti di bambini 0-6 anni.

Vuoi pubblicare un contributo in cui racconti le attività che svolgi presso il tuo Servizio educativo? Scrivici su info@percorsiformativi06.it e saremo lieti di valutare il tuo materiale. Non è previsto alcun costo per la pubblicazione, né alcun compenso per l’autore

Periodicamente la pagina verrà aggiornata con nuovi articoli: torna a trovarci!!

N.B. : tutte le copertine dei libri e le relative immagini qui presentate appartengono ai rispettivi proprietari. Tali copertine e immagini sono qui riportate soltanto per scop dimostrativi e su di esse Silvia Iaccarino non ha alcun diritto.

Videocamere al nido? Un tema su cui riflettere con attenzione

Alcuni giorni fa la Camera ha approvato il disegno di legge che andrebbe a regolamentare l’introduzione di telecamere in Servizi che si occupano di anziani e di minori tra cui, quindi, gli Asili Nido. Intorno a questo ddl, il quale deve ancora essere vagliato dal Senato, si stanno svolgendo delle importanti riflessioni rispetto al significato ed alle conseguenze dell’uso delle telecamere nei Servizi, qualora dovesse diventare effettivamente legge. In questo contributo, e anche qui e qui, potete trovare degli utili spunti per riflettere su questo importante tema. Buona lettura!  ...

leggi tutto

Bambini concentrati nei contesti educativi

di Monica Patroncini, coordinatrice di Nido d’Infanzia ed educatrice Montessori   Un aspetto fondamentale della vita dei bambini 0-3 anni  è senz’altro, come sappiamo, il movimento, insieme alla ricerca della relazione con l’adulto, ed è soprattutto da quest’ultima che traggono la loro linfa vitale. Sappiamo però anche, dalla nostra osservazione, che in alcune circostanze cercano l’isolamento: hanno la necessità di rimanere in solitudine, di raccogliersi in se stessi e vediamo come un oggetto possa catturarne  l’attenzione in modo esclusivo. Un bambino può quindi occuparsi di un oggetto interessante per lui,  studiandolo, “assaggiandolo” e muovendolo in vari modi. Spesso i movimenti risultano quasi meccanici e altrettanto frequentemente  le mani...

leggi tutto

Il gioco sensomotorio

Qui di seguito un mio articolo pubblicato su Mondo 0-3 numero 4-2014 del marzo/aprile 2014   Il gioco sensomotorio si caratterizza per la presenza di brusche rotture toniche e di sollecitazioni intense che si esprimono con corse, salti,rotolamenti, cadute, equilibri e disequilibri. In generale, è presente un coinvolgimento corporeo intenso sia sul piano emotivo che fisico: il corpo viene usato per conoscere il mondo e conquistarlo; al bambino non interessa il risultato della sua azione, quanto piuttosto l’intenso piacere di essere dentro il movimento e di sperimentare il proprio corpo nelle sue potenzialità. Spesso questo gioco non viene percepito dagli adulti come gioco, ma come semplice “movimento” fine a se stesso. In realtà, da circa 18 mesi fino ai 7-8 anni, il gioco...

leggi tutto

La fisiologia del sonno dei bambini (0-6 anni)

Nella nostra cultura occidentale vige, ahimè, l’idea che i bambini piccoli debbano dormire tutta la notte di filato, senza risvegli. Per cercare di ottenere ciò, si sono diffusi metodi di vario tipo. La scienza evidenzia però che il sonno è un fenomeno piuttosto complesso  e che possiede una specifica fisiologia, in particolare nell’infanzia. E’ importante che gli adulti ne siano consapevoli in modo da adottare delle routine e degli atteggiamenti legati al sonno il più possibile in linea con i bisogni dei bambini. L’obiettivo di questo articolo è quindi di fornire conoscenze di base sulla fisiologia del sonno dei bimbi nei primi anni di vita. Un primo punto riguarda il “come far dormire di più e più a lungo i bambini”. Questo obiettivo, che solitamente...

leggi tutto

"Come è andata a scuola?"

Questa è la classica domanda che mediamente i genitori fanno ai bambini quando li vanno a prendere a scuola, in genere dalla Scuola dell’Infanzia in avanti. E, tipicamente, i bambini rispondono con “boh”, “non mi ricordo” oppure con “niente” se la domanda è stata “cosa hai fatto oggi?” (questo anche i bambini grandi del Nido). Così, frequentemente, i genitori si sentono frustrati e temono che la comunicazione con i loro figli non stia “girando” nel verso giusto… In realtà è tutto molto normale (per quanto riguarda i bambini piccoli)! Infatti, va detto che la memoria dei bambini non funziona come quella degli adulti, per cui la cosiddetta “memoria episodica” [1] è piuttosto fragile fino anche ai 6-7 anni e...

leggi tutto

Ah la gelosia!!! ….E’ arrivato il fratellino – SECONDA PARTE

“I genitori possono aiutare il proprio bimbo dimostrandogli il loro affetto incondizionato. Lui deve sapere che non ha bisogno di mostrarsi geloso per ottenere la loro attenzione, ma deve anche sapere che loro continuano a volergli bene anche quando si mostra geloso” C. Gonzalez   Nel precedente articolo abbiamo iniziato a ragionare sulla normalità dell’emozione “gelosia” e sul suo valore adattivo. Oggi, dopo aver anche parlato di come gestire l’arrivo del fratellino in un altro contributo, continuiamo il nostro viaggio, focalizzando l’attenzione sul cosa fare per far fronte a questa spinosa emozione.   Come gestire la gelosia? Partiamo quindi dal presupposto che la gelosia è del tutto normale ed è solo una delle tante emozioni che un...

leggi tutto

Ah la gelosia!!! ….E’ arrivato il fratellino – PRIMA PARTE

“La gelosia è normale e salutare. La gelosia nasce dal fatto che i bambini amano” D.W. Winnicott   Quando mamme e papà scoprono di essere in attesa del secondogenito, spesso, tra le varie emozioni sperimentate, troviamo anche la preoccupazione per la reazione del figlio/a più grande. Oggi, infatti, i genitori in genere sono molto attenti alle emozioni dei bambini: frequentemente si dispiacciono quando i loro figli provano emozioni spiacevoli e vorrebbero evitargliele il più possibile. Ahimè, le emozioni “spiacevoli” non possono essere eliminate dalla vita ed è, anzi, molto importante che i bambini, fin da piccoli, siano aiutati dagli adulti di riferimento a sviluppare la loro competenza emotiva (ovvero la capacità di riconoscere, comprendere, esprimere e...

leggi tutto

Come i bambini imparano l’autocontrollo – dai 12 ai 24 mesi

Traduzione a mia cura da  How Toddlers Learn Self-Control from 12 to 24 Months   Per poter rispettare le regole e comprendere i limiti, i bambini hanno bisogno di sviluppare l’autocontrollo. Esso rappresenta la capacità di fronteggiare emozioni intense e di fermarsi quando si vorrebbe fare qualcosa che non è permesso.  Lo sviluppo dell’autocontrollo inizia alla nascita e prosegue lungo tutta l’infanzia. I bambini piccoli imparano il self control attraverso le interazioni con adulti amorevoli e con i pari.   I bambini piccoli e il self-control I bambini piccoli in questa fascia di età esprimono le loro emozioni in modo molto chiaro e forte. “No!” diventa la loro parola preferita. Essi possono provare frustrazione molto facilmente perché sono molte...

leggi tutto

Come prepararsi all’arrivo del fratellino

  “La prima occasione di imparare a vivere in armonia col mondo viene offerta al bambino da fratelli e sorelle: sono loro che gli insegnano, in un certo senso, a crearsi una base su cui sviluppare in seguito dei rapporti sociali soddisfacenti” M. Bernardi   L’arrivo di un fratellino/sorellina in famiglia è un avvenimento colorato di tante e diverse emozioni, ma anche di pensieri dei genitori in merito a cosa dire al proprio figlio: quando, come e in che modo prepararlo a questo evento. Vediamo insieme alcune modalità possibili da mettere in campo per favorire il primogenito in questo importante passaggio di crescita:   Se il bambino è nella fascia 0-3 anni, per comunicare la notizia è meglio aspettare che siano visibili nel corpo materno i cambiamenti fisici...

leggi tutto

Come i bambini imparano l’autocontrollo – dalla nascita ai 12 mesi

Traduzione a mia cura da How babies learn self control from birth to 12 months L’acquisizione dell”autocontrollo è un processo che comincia alla nascita e continua lungo tutta l’infanzia. Ecco cosa puoi fare per favorire lo sviluppo precoce del self control   Per poter seguire le regole e comprendere i limiti, i bambini hanno bisogno di possedere capacità di autocontrollo. L’autocontrollo è l’abilità di far fronte a intense emozioni e fermarsi prima di fare qualcosa che vorremmo ma che non è permesso. Lo sviluppo dell’autocontrollo inizia alla nascita e prosegue attraverso tutto il ciclo vitale. I bambini piccoli imparano il self control attraverso le interazioni con i pari e la guida dei genitori ed altri adulti amorevoli.   I lattanti e il self control  I...

leggi tutto

La resilienza: saper resistere agli urti della vita

Un mio articolo sulla resilienza pubblicato su Mondo 0-3, dell’editrice La Scuola, nel novembre-dicembre 2013 Qui puoi scaricare il pdf. Il termine “resilienza” (dal latino resilio = tornare indietro/rimbalzare), fino ad alcuni decenni fa utilizzato esclusivamente nell’ambito della fisica dei materiali per identificarne la capacità di resistere agli urti assorbendoli senza rompersi, a partire dagli anni ’80 ha iniziato a essere impiegato anche nelle scienze umane, connotando in questo caso “la capacità di una persona o di un sistema sociale di vivere e svilupparsi positivamente, in modo socialmente accettabile, nonostante le difficili condizioni di vita” 1. La resilienza viene considerata da alcuni ricercatori come risultato positivo a seguito di un evento traumatico, mentre altri...

leggi tutto

Le regole…che fatica!!! SECONDA PARTE

SECONDA PARTE   LE REGOLE PER GESTIRE…LE REGOLE   In continuità con l’articolo precedente, vediamo qui, dal punto di vista pratico, alcuni utili suggerimenti per gestire le regole in modo efficace: Le regole non sono ordini o divieti, ma confini che servono al bambino per crescere in modo equilibrato e sano. Rappresentano un contenimento. Le regole proteggono il bambino, lo rassicurano, rendono prevedibile il suo mondo e lo portano, un po’ per volta, ad imparare l’autoregolazione, a  tollerare e gestire la frustrazione ed a risolvere i problemi, attivando la creatività. Cercare di esprimere i “no” il più possibile al positivo: per esempio, evitare “non fare X”, MA “fai Y”. Per esempio, evitare “mi raccomando, non strappare i giochi di mano a tua sorella!”  SI’...

leggi tutto

Le regole…che fatica!!! PRIMA PARTE

Le regole ed i limiti quale funzione hanno in educazione?  Le regole sono uno degli strumenti più importanti per crescere un bambino. T.B. Brazelton afferma:  “Fra tutto ciò che un genitore dona al proprio figlio, la disciplina è seconda per importanza solo all’amore. Il senso di sicurezza che il bambino trova nella disciplina è fondamentale, perché senza di essa non ci sarebbero limiti. Il bambino, invece, ha bisogno di limiti e ne trae conforto. Quando un genitore si preoccupa di fargli dono della disciplina, il bambino sa di essere amato. La disciplina è insegnamento, non punizione. Certo non si impara da un giorno all’altro: ci vogliono ripetizione e pazienza. Lo scopo che i genitori si prefiggono nel tempo con la disciplina è di instillare nel loro bambino la capacità di...

leggi tutto

La sculacciata

  Qui potete trovare un interessante contributo di Sarah Kovac LE PUNIZIONI RENDONO STUPIDI I NOSTRI BAMBINI Poiché il tema è particolarmente importante, vi segnalo alcuni testi e link per approfondire   PER APPROFONDIRE Maurel O. “La sculacciata. Perchè farne a meno: domande e riflessioni” – ed. Il Leone Verde Novara D. “Punire non serve a nulla” – ed. BUR Novara D. “Urlare non serve a nulla” – ed. BUR La sculacciata rende i bambini più aggressivi Violenza educativa: un vero paradosso Quante più sono le sculacciate minore sarà la materia grigia Attitudes toward spanking. Indicators on children and youth Perché il timeout non funziona Cervello dei bambini e sistemi di disciplina: sculacciate, sonno e time...

leggi tutto

I bambini e lo stress

Di seguito potete trovare un mio articolo apparso sulla Rivista “Mondo 0-3” dell’Editrice La Scuola nel numero 1 di settembre/ottobre 2013.   “È il cervello a determinare in larga misura chi siamo e cosa facciamo. E, poiché il cervello del bambino viene plasmato in misura significativa dalle esperienze che offriamo come genitori (o più in generale chi si prende cura di lui, n.d.a.), sapere come questo organo così importante si modifichi in reazione alla nostra attività educativa e di accudimento può aiutarci a crescere un bambino psicologicamente più forte e resiliente, ossia capace di resistere e riprendersi dalle difficoltà” (D. Siegel, T. Payne Bryson, 2013)   Per noi adulti indaffarati e “tritati” dalla quotidianità, “stress” e “bambini” sembrano termini...

leggi tutto

5 miti da sfatare riguardo i bambini e l’uso degli schermi

Sul sito dell’organizzazione americana Zero to Three hanno pubblicato una interessante infografica di cui riporto la traduzione dei contenuti. 5 Myths About Young Children and Screen Media Infographic MITO 1 – TUTTO IL TEMPO PASSATO DAVANTI AGLI SCHERMI NON E’ UTILE ALL’APPRENDIMENTO PRECOCE. Sebbene i bambini apprendano meglio attraverso l’esplorazione pratica, di fatto la maggior parte di essi passa del tempo davanti agli schermi in età precoce e si può imparare da questa esperienza. Aspetti fondamentali da garantire sono: – contenuti appropriati rispetto all’età; – tempo limitato; – genitori coinvolti che aiutano i bambini a collegare ciò che vedono sugli schermi alla vita reale.   MITO 2 – I BAMBINI NON SONO IMPATTATI...

leggi tutto

Il genio linguistico dei bambini

In questo video, Patricia Kuhl*  condivide stupefacenti scoperte in merito a come i bambini imparano le lingue, anche una dopo l’altra, ascoltando le persone che li circondano e facendo statistiche dei suoni più frequenti che hanno bisogno di imparare. Interessanti esperimenti di laboratorio e scansioni cerebrali mostrano come a 6 mesi i bambini usino ragionamenti sofisticati per comprendere il  mondo intorno a loro. Qui è possibile visionare il video sottotitolato in italiano  The linguistic genius of babies   *Co-direttrice dell’Institute for Learning & Brain Sciences all’Università di Washington ed uno dei massimi esperti a livello mondiale relativamente allo sviluppo del linguaggio dei bambini

leggi tutto

Le ricerche evidenziano che è ok consolare il bambino ogni volta che piange

di Sarah Tisinger, traduzione a mia cura da Research says it’s OK to pick up your baby each time it cries   Genitori, senza pressione, ma il successo della nostra società futura dipende da voi! Nuove ricerche evidenziano che i bambini coccolati diventano adulti più sani, meno depressi, più gentili, empatici e produttivi. Secondo un report di WSBT “coccolare conta”! La nuova ricerca della psicologa Darcia Narvaez ha studiato più di 600 adulti ed ha trovato che coloro che sono stati coccolati da bambini sono diventati adulti meglio adattati, meno ansiosi e con una miglior salute mentale. Lo studio ha evidenziato che, oltre alle coccole, una infanzia positiva con molto affetto e tempo di qualità conduce altrettanto alla formazione di adulti con migliori capacità di far...

leggi tutto
Chat
1
Close chat