Seleziona una pagina

di Paola Albini e le educatrici del Nido Vitamina G – Segrate

 

Con i nostri bimbi abbiamo deciso di esplorare il foglio di alluminio. Nonostante quest’ultimo sia semplice e comune, può dare il via ad un’esperienza sensoriale nuova e costituire uno stimolo interessante per la creatività dei bambini.
Per prima cosa abbiamo evidenziato le caratteristiche di questo materiale: lo abbiamo toccato, strappato, accartocciato, steso con le mani e infine ne abbiamo sentito il rumore (sembrava proprio la pioggia!).

L’abbiamo anche utilizzato per avvolgere alcuni oggetti che i bambini si sono poi divertiti a scartare, scoprendo cosa fosse nascosto all’interno dei differenti involucri. Vi consigliamo di utilizzare, a tal proposito, oggetti di diversa grandezza per dare ai bambini la possibilità di esercitare e allenare la motricità fine, in modi diversi e con differenti gradi di difficoltà. Per i bimbi, è stata anche un’occasione per ampliare il vocabolario descrivendo, con il nostro aiuto, le caratteristiche del foglio: liscio, ruvido, argentato, lucido.

Per condurre un gioco motorio, abbiamo poi utilizzato un lungo foglio di questa carta. Lo abbiamo steso sul pavimento ed i bambini hanno potuto camminarci sopra, provando diverse sensazioni: il freddo, il rumore, la superficie liscia. I piccoli si sono concentrati nel percorrerlo, in equilibrio, senza uscire dai bordi.

Il foglio di alluminio è un materiale sul quale è anche interessante pitturare con la tempera in quanto, con una semplice spugnetta, è possibile cancellare ogni creazione come se si stesse agendo su una lavagna!
Abbiamo fatto trovare ai bimbi il tavolo avvolto con l’alluminio (vi consigliamo di sovrapporne i fogli per qualche centimetro, per poi fissarli con dello scotch, così da evitare che durante l’attività si rompano) e ci abbiamo versato sopra delle gocce di tempera, di diversi colori. Abbiamo lasciato i bambini liberi di dipingere, con le mani o con i pennelli.

La tempera, stesa con le mani, non é assorbita come su un foglio di carta, ma scivola e si stende facilmente, dando vita ad un’esperienza tattile molto piacevole.
I bambini hanno colorato e poi, con una spugnetta, hanno potuto cancellare tutto, grazie alle caratteristiche di questa carta.

L’attività di “pulizia” piace molto ai bambini e questa carta da loro la possibilità di sperimentare ripetutamente questa esperienza.
I piccoli si sono anche divertiti a lasciare le impronte delle mani, a tracciare segni con il dito, a spalmare il colore ovunque e poi a ripulire il tutto.

Per variare, è anche possibile disegnare con i pennarelli. In questo caso, per non rinunciare all’opportunità di cancellare e quindi di avere una vera lavagna, bisogna colorare sul lato più opaco del foglio di carta stagnola (quello che di solito entra in contatto con l’alimento).

 

Un’altra variante interessante è quella di avvolgere il tavolo anche con un foglio di alluminio stropicciato e poi steso. L’esperienza sensoriale sarà diversa: non avranno un foglio liscio ma uno ruvido ed irregolare.
Se poi i bimbi non hanno paura di sporcarsi, allora la pittura di alluminio con la spugnetta, può trasformarsi in una favolosa esperienza di body painting.

È stata davvero un’avventura con il colore a 360°!!!

Per finire, potete appendere i fogli di alluminio pitturati dai bimbi oppure ritagliarne delle forme da usare per creare fiori, farfalle, foglie, ecc… oppure, come abbiamo fatto noi, avvolgere un pezzo di cartone e fermarlo sul retro con del nastro adesivo creando queste semplici lavagnette da portare a casa per giocare insieme a mamma e papà. Per rendere le lavagnette più cool, potete creare una cornice con il washi tape (scotch decorato).