Blog

Qui trovi diversi articoli rivolti a genitori, educatori e insegnanti di bambini 0-6 anni.

Vuoi pubblicare un contributo in cui racconti le attività che svolgi presso il tuo Servizio educativo? Scrivici su info@percorsiformativi06.it e saremo lieti di valutare il tuo materiale. Non è previsto alcun costo per la pubblicazione, né alcun compenso per l’autore

Periodicamente la pagina verrà aggiornata con nuovi articoli: torna a trovarci!!

N.B. : tutte le copertine dei libri e le relative immagini qui presentate appartengono ai rispettivi proprietari. Tali copertine e immagini sono qui riportate soltanto per scop dimostrativi e su di esse Silvia Iaccarino non ha alcun diritto.

Sciogliere i nodi: rivoluzione educativa. Una testimonianza

Sciogliere i nodi: rivoluzione educativa. Una testimonianza

di Maria Teresa Guerrisi, titolare dell'asilo nido La Monelleria di Carignano, Genova   Una breve testimonianza da chi, da qualche anno, si è messo in cammino per rovesciare prospettive e prassi educative… Il termine rivoluzione indica una trasformazione, il rovesciamento di un ordine e ancora il giro di un corpo attorno ad un altro corpo. Partendo dall’accezione della parola posso dire che...

Le aspettative nella relazione educativa

Le aspettative nella relazione educativa

Tratto da "Colazione con Silvia"   con Silvia Iaccarino e Simona Vigoni   Cercheremo di fare dei ragionamenti tarati rispetto alla relazione educativa sulla parola ASPETTATIVA.  Mi piace parlare di questo aspetto nella relazione educativa, perché nella mia esperienza, mi sono resa conto negli anni di quanto le aspettative, che sono spesso implicite e inconsapevoli, siano in grado di...

Il pianto di memoria

Il pianto di memoria

di Silvia Iaccarino   I neonati piangono, e talvolta anche molto, si sa.  Poiché non hanno ancora modo di utilizzare altri mezzi, il pianto è tra le loro vie privilegiate di comunicazione: i bambini e le bambine tentano di farci sapere come stanno e quali sono i loro bisogni e i loro moti interiori.  Per cultura, siamo abituati a pensare che il pianto sia sostanzialmente portatore di...

I bambini ricordano la nascita

I bambini ricordano la nascita

di Silvia Iaccarino   “La coscienza precede l’essere e non il contrario” P. Fedor Freyberg “Dobbiamo abbandonare l’idea che la mente sia in qualche modo collegata al cervello”  C.G. Jung   Negli ultimi decenni la conoscenza del neonato si è enormemente approfondita ed affinata. Siamo passati così da un’idea di neonato come “tabula rasa” a quella di “bambino competente” fin dalla...

A colazione con Silvia – la “routine” – PRIMA PARTE

A colazione con Silvia – la “routine” – PRIMA PARTE

con Silvia Iaccarino e Simona Vigoni, tratto da COLAZIONE CON SILVIA  - Dialoghi intorno alle parole che aiutano a crescere     Simona: Come spesso capita, il caso non capita “a caso”. Pochi giorni fa, stavo sistemando alcune ”sudate” carte e sono incappata in questo brano dal quale vorrei cominciare oggi, a pochi giorni di distanza dalla giornata della memoria. Gli appunti risalgono al...

A colazione con Silvia – la “routine” – PRIMA PARTE

A colazione con Silvia – la “routine” – SECONDA PARTE

tratto da COLAZIONE CON SILVIA  - Dialoghi intorno alle parole che aiutano a crescere Continua  Simona: La cura fa parte di uno dei miei primi argomenti di studio, quindi di tanti anni fa, per cui mi ritornano alla memoria citazioni di libri. Ti ricordi Leboyer? Nel suo breve e intenso “Per una nascita senza violenza” scrisse che per farsi capire dai bambini, dai neonati, occorreva parlare il...

Connettersi per non perdersi

Connettersi per non perdersi

di Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista, fondatrice PF06 A qualsiasi età, essere in relazione con gli altri è uno dei bisogni principali che guidano il nostro agire. In ciascuno di noi alberga la tensione di creare un legame con le persone che stimiamo, che sentiamo come affidabili e importanti per la nostra vita. Ma creare un legame non basta per sentirsi connessi. I due elementi non...

Loose parts e rivoluzione

Loose parts e rivoluzione

di Letizia Cerrelli e il team del nido Il Girasole      C’è una cosa che rimprovero sempre a me stessa: FARE PRIMA DI PENSARE. E ogni volta mi riprometto di stare più attenta ma poi ci ricasco! “Ma no Lety, si procede al contrario: prima pensare e poi agire”. Niente, proprio non mi entra in testa. Il mio conoscere deve necessariamente passare prima dal fare. In questo sono rimasta...

Il materiale destrutturato non basta

Il materiale destrutturato non basta

di Ilenia Schioppetti, docente PF06, educatrice di nido in famiglia La Casetta delle Favole, Venezia E’ facile pensare che per fare il cambiamento sia sufficiente cambiare il materiale al nido. Ne abbiamo riflettuto spesso, ne riflettiamo quotidianamente con le colleghe, mi confronto ogni giorno con i bambini. E più passa il tempo e più mi rendo conto che il cambiamento non parte solo dal...

La progettazione educativa e la promozione del senso di sicurezza nei servizi 06

La progettazione educativa e la promozione del senso di sicurezza nei servizi 06

di Protima Agostini, coordinatrice pedagogica     A seguito dell’incontro con la teoria polivagale di Porges e approfondendo i suoi intrecci con la teoria dell’attaccamento di Bowlby nelle formazioni e nelle riflessioni che ne seguono all’interno di Percorsi Formativi 0-6 con Silvia Iaccarino, mi sono spesso soffermata a leggere i bisogni dei bambini nei servizi attraverso queste...

L’allattamento tra falsi miti e pregiudizi

L’allattamento tra falsi miti e pregiudizi

  di Giorgia Cozza, scrittrice e giornalista   “Sei sicura di avere latte? Che sia nutriente? Che sia abbastanza?” “Lo attacchi ancora? Dovresti dargli degli orari”. “Se lo addormenti al seno poi si vizia!” “Quando mangia le pappe, il tuo latte non serve più”. “Ormai è acqua...” Mi fermo qui. L'elenco dei luoghi comuni e dei falsi miti legati all'allattamento potrebbe continuare ancora...

La teoria polivagale in pratica. Alcune riflessioni dalla quotidianità

La teoria polivagale in pratica. Alcune riflessioni dalla quotidianità

  di Protima Agostini, coordinatrice pedagogica     * Nell’articolo si useranno nomi di fantasia   Raffaele, 3 anni, oggi ha graffiato Mattia….così… “senza motivo”, improvvisamente…..eppure Mattia si era solo avvicinato a Raffaele “senza fargli nulla….”Sovente Raffaele graffia e morde i compagni….se può si “isola”, senza interagire attivamente con gli altri, solo con noi...

“Voglio stare per conto mio!”

“Voglio stare per conto mio!”

di Silvia Iaccarino, fondatrice di PF06, formatrice e psicomotricista     “Mi piacerebbe parlare delle difficoltà dei bambini di entrare relazione con i pari. Ho in sezione un bambino per il quale è difficile relazionarsi con gli altri e questo gli crea frustrazione e crisi di pianto. Il bambino non vuole essere toccato dagli altri, sta bene seduto da solo, aggrappato alle mie gambe....

“Perché fai l’educatore/educatrice?”. La direzionalità di senso dell’agire educativo

“Perché fai l’educatore/educatrice?”. La direzionalità di senso dell’agire educativo

  di Jessica Omizzolo, docente di Pf06, coordinatrice di nidi e scuole infanzia     Ci capita, ai colloqui, di sentirci proporre questa domanda. Perché scegliamo di lavorare nello zerosei? A me, come coordinatrice, capita di farla ai tirocinanti, ai neo-assunti, mi capita di sentirla spesso porre ai concorsi. Altrettanto spesso sento rispondere, con candida simpatia “Mi piacciono...

Il bambino è scienziato

Il bambino è scienziato

di Alice Gabbrielli, direzione scientifica di PF06, formatrice, coordinatrice   Il bambino, senza intento consapevole, si comporta come uno scienziato. Le azioni di apprendimento e conoscenza che il bambino mette in campo quando esplora la realtà hanno delle fortissime analogie con il metodo di progressione della scienza, il metodo scientifico. Il bambino osserva il mondo che lo circonda...

Colazione con Silvia. Dialoghi intorno alle parole che aiutano a crescere: “Emozioni”

Colazione con Silvia. Dialoghi intorno alle parole che aiutano a crescere: “Emozioni”

  Accompagnata da Simona Vigoni, Silvia Iaccarino ci parla di: EMOZIONI Simona: perchè abbiamo scelto questa parola, come parola significativa per la nostra crescita? perchè è importante che entri nel vocabolario della nostra vita? Quale è la grammatica delle emozioni? Silvia: A me piace citare D. Siegel: “l'organizzazione del Sé dipende da come le emozioni vengono regolate”: più le...

Teoria polivagale: una chiave di lettura possibile delle fatiche dei bambini in pandemia?

Teoria polivagale: una chiave di lettura possibile delle fatiche dei bambini in pandemia?

  di Federica Mocci, educatrice e pedagogista       Giulio (nome di fantasia) nasce nell’autunno 2019. Quando inizia la pandemia non ha ancora sei mesi. Per lui sta iniziando quella fase evolutiva in cui ci si apre al mondo, all’altro. E’ il momento in cui, tramite il movimento, si esplora lo spazio e in cui si acquisiscono schemi mentali preziosi per uno sviluppo armonico....

Bellezza

Bellezza

  di Ilenia Schioppetti, docente di Pf06, educatrice di nido in famiglia La Casetta delle Favole - Venezia     Ci sono cose che sono belle fin dal primo momento. Non vi è dubbio alcuno. Perché la bellezza è proprio così. Indiscutibile. Anche se si tratta spesso di cose senza senso, inutili, anomale. Perché’ nonostante la loro mancanza di senso, la loro inutilità, le loro anomalie...

I libri “senza parole” (silent book)

I libri “senza parole” (silent book)

di Maria Teresa Nardi, libraia, musicologa e musicoterapeuta Illustrazione di Susanne Rotraut Berner   Si chiamano silent book gli albi illustrati che non hanno testo, che mancano di suono. Detti anche albi silenti, muti, zitti,  travisandone però il significato  perché in realtà con le sole illustrazioni raccontano molto e anche in maniera  complessa. Narrare senza testo e solo grazie alle...

Avere attenzione per il linguaggio

Avere attenzione per il linguaggio

di Annalisa Falcone, pedagogista     Fare educazione significa riuscire a muoversi in un equilibrio di tanti fattori, tra gesti e parole, tra silenzi e passi indietro, tra domande interessanti e acuta osservazione. Le professioniste dell’educazione sono come navigatrici esperte che hanno bisogno di trovare la corretta rotta in un mare sempre tempestoso, attraversato da diverse...

Have no product in the cart!
0