di Lucia Vichi, pedagogista

 

1- Non toccare, non baciare, non abbracciare mai un bambino se non si è stati invitati da lui a farlo;

2- Avere cura del rapporto con la famiglia del bambino, fondamentale per un buon percorso di crescita al Nido;

3- Concentrarsi sul rafforzare e aiutare lo sviluppo di ciò che è positivo nel bambino (sui suoi pregi e i suoi talenti). Mai etichettarlo e mai categorizzarlo;

4- Essere attivi nel preparare l’ambiente. Prendersene cura in modo meticoloso e costante. Aiutare il bambino a stabilire relazioni positive con esso. Mostrare il posto giusto dove i materiali di sviluppo sono conservati e riposti;

5- Essere sempre disponibili e pronti a rispondere serenamente alla chiamata del bambino che ha bisogno di voi, non dimostrandosi scocciati, ascoltare e rispondere sempre al bambino che vi chiama;

6- Rispettare il bambino che fa un errore, e può prima o poi correggersi da solo (a tavola, nel gioco, in bagno, …), ma interrompere immediatamente e in modo fermo ogni uso scorretto dell’ambiente e ogni azione che mette in pericolo il bambino, il suo sviluppo o altre persone;

7- Rispettare il bambino che si riposa o guarda gli altri bambini giocare. Mai chiamarlo o forzarlo al gioco;

8- Trattare sempre il bambino con le migliori maniere e offrirgli il meglio di ciò che si possiede in se stessi e che si ha a disposizione;

9- Offrire al bambino libertà di prendere decisioni, di scegliere, di rifiutare, di decidere, senza sempre sottomettere la sua volontà a quella dell’educatore;

10- Creare un ambiente che sia curato, silenzioso, rispettoso, con educatrici che utilizzino toni delicati, parole gentili e presenza amorevole.