Perché non dovremmo costringere i bambini e le bambine a chiedere scusa

Educazione e sviluppo infantile, Tutti gli articoli

 

di Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista

 

Ci siamo passati tutti: il nostro bambino/a fa qualcosa che reputiamo “scorretto” e che, in qualche modo, intacca un altro bambino/a o un altro adulto.

Tipicamente, anche a fronte della nostra eredità educativa come figli, pensiamo che il modo migliore per risolvere la situazione sia fargli chiedere scusa. Ma è davvero questa la strada?

Credo siamo tutti d’accordo sul fatto che le scuse dovrebbero essere sincere, ma se costringiamo nostro figlio ad agire in tale direzione, è improbabile che le sue scuse provengano da un luogo di autenticità. Vediamo perché è importante non forzare bambini e bambine a chiedere scusa.

Perché chiedere scusa è importante

Insegnare ai bambini a chiedere scusa è un’abilità importante per la vita. Infatti, le scuse possono aiutare a riparare un rapporto e a creare empatia. Ma se fatte in modo forzato, possono fare più male che bene. Infatti, forzare le scuse può rendere il bambino meno propenso a scusarsi in futuro, anche quando sa di aver fatto qualcosa di sbagliato, a causa della sensazione di imbarazzo e vergogna che, solitamente, il forzare le scuse produce. Inoltre, le scuse forzate non insegnano ad assumersi la responsabilità delle proprie azioni; semmai, trasmettono il messaggio che ci si può svicolare semplicemente pronunciando le parole “mi dispiace”.

Favorire le scuse sincere

Se ai bambini e alle bambine non viene data l’opportunità di regolare le proprie emozioni e di riflettere su ciò che hanno fatto, con il nostro accompagnamento e la nostra gentile guida alla metacognizione, potrebbero esprimersi con scuse insincere solo per cavarsi d’impiccio. Questo può danneggiare le loro relazioni e rendere più difficile imparare dall’esperienza e regolare le proprie emozioni.

È più utile, invece, riconoscere e legittimare il loro stato emotivo, aiutandoli a calmarsi se necessario e, successivamente, ragionare su come poter fare meglio una prossima volta, accompagnando la comprensione di cosa non andava.

Quando i bambini hanno recuperato un buon equilibrio emotivo, potrebbero essere più aperti a chiedere scusa di propria iniziativa, con sincerità e in modo significativo.

Se sono abbastanza grandi, possiamo parlare con loro di come avrebbero potuto gestire la situazione in modo diverso. E, soprattutto, è importante che noi stessi, come adulti, forniamo un modello di empatia e un esempio di scuse sincere. Del resto, nessuno è perfetto e tutti commettiamo errori. Lavorando in questa direzione, potremo promuovere nei nostri bambini e bambine una adeguata capacità di prendersi la responsabilità delle proprie azioni.

Conclusione

Chiedere scusa è un’importante abilità di vita che bambini e bambine hanno bisogno di imparare, ma è importante non forzare le scuse di un bambino/a che non è pronto. Questo può danneggiare le relazioni invece di ripararle. Invece, possiamo riconoscere i suoi sentimenti e aiutarlo/a a capire come mai ciò che ha agito era “scorretto”.

Con comprensione e gentilezza, senza giudicare ma piuttosto accompagnare, potremo aiutare bambini e bambine a diventare persone gentili ed empatiche, dando loro la possibilità di riflettere sulle proprie azioni e di offrire scuse sincere quando saranno pronti: di conseguenza le scuse saranno davvero significative.