Il percorso formativo “SCIOGLIERE I NODI”, con la modalità del “teatro-forum”, si propone di attivare una riflessione condivisa sulle dinamiche comunicative e sulle complesse trame relazionali fra educatori/insegnanti e famiglie e fra gli stessi educatori/insegnanti; mettendo in scena alcuni personaggi e situazioni “reali”, derivati da casi problematici raccolti sul campo dal team del progetto.

Grazie al grande potenziale del format “teatro-forum” si creano nuove occasioni di riflessione individuale e di gruppo, favorendo lo sviluppo di nuove competenze comunicativo-relazionali dei partecipanti, a supporto di una maggiore serenità e resilienza degli insegnanti per costruire una scuola sempre più inclusiva e partecipata, per garantire il benessere di tutti i bambini.

Infatti, i partecipanti (educatori/insegnanti) vengono invitati ad intervenire e a trovare delle soluzioni, mettendosi proprio nei panni dei diversi personaggi che sono alle prese con complesse e demoralizzanti problematiche relazionali e comunicative. Dopo ogni intervento, i facilitatori (jolly) propongono delle domande al pubblico per incoraggiare il confronto e la partecipazione attiva di tutti.

 

INFORMAZIONI TECNICHE DEL PERCORSO FORMATIVO:

Presenza di 3 esperti della formazione con tecniche teatrali.

Durata dell’evento: 3 ore suddivise in una parte di Teatro interattivo e una parte di discussione condivisa condotta dai facilitatori.

N° massimo di posticipanti: 70 persone.

Spazio scenico necessario: 6 metri x 4 metri – Proscenio: 2 metri tra la scena e gli spettatori

Oggetti di scena da mettere a disposizione: 8 sedie e un tavolo

Prove e allestimento: 1 ora prima della rappresentazione.

 

Richiedilo ora!

    Il corso si propone in presenza, in date e orari da concordare con il richiedente.
    Il corso si svolge in presenza, nella sede messa a disposizione dal committente.
    Gruppi di educatrici, educatori e insegnanti di nido, scuola dell’infanzia e primaria, pubbliche e private.
    Viene rilasciato un attestato di partecipazione di 3 ore. Su richiesta, è possibile accreditare la proposta al Miur e pertanto rilasciare attestato Miur.

    Sociologa, formatrice e esperta in progetti socio-educativi. Collabora con la Università cattolica di Milano e con la Universidad Internacional de Valencia. Da diversi anni si occupa di consulenza e di formazione, principalmente nell’ambito della prima infanzia (0-6 anni) sui temi relativi alla collaborazione scuola-famiglia, utilizzo dei linguaggi espressivi alternativi (in particolare il teatro di figura e la narrazione), continuità educativa, diritti del fanciullo, povertà e infanzia, intercultura/processi inclusivi, continuità educativa, BES, gestione di processi partecipativi e competenze relazionali in ambito formativo ed educativo. Ha pubblicato in Italia e all’estero (Inghilterra, Argentina, Spagna, Brasile e Messico). Ad oggi ha all’attivo 14 articoli pubblicati nelle principali riviste (welfare, cultura ed educazione) e, come coautore, 6 libri pubblicati in diverse lingue. Ha pubblicato, con la collaborazione di Silvia Iaccarino, il volume  “Appuntamento scuola-famiglie all’incrocio fra le culture: Guida operativa per progetti interculturali con il coinvolgimento delle famiglie nei servizi educativi (0-6 anni)”. Inoltre, insieme a Mariano Dolci, ha scritto “Il burattino poliglotta: un approccio innovativo per l’apprendimento delle lingue seconde e straniere”. E insieme a J. M. de la Serna, Storytelling, una palestra per l’intelligenza Emotiva. Tektime Editore.

    Ti potrebbe interessare anche…