Genere e letteratura per l’infanzia: dalla differenza alla valorizzazione attraverso le storie

WEBINAR

ACCREDITATO MINISTERO ISTRUZIONE – ID. SOFIA 75388

La narrazione è uno strumento sociale, culturale ed educativo fondamentale, che accompagna l’essere umano nell’arco della vita influenzando la sua percezione di sé e del mondo.

Le storie aiutano a mettere in relazione esperienze ed eventi attraverso processi di comprensione, elaborazione e interpretazione in grado di dare senso al proprio vissuto, di ripensarlo in modo significativo e organizzare la propria conoscenza. In questa cornice, la Letteratura per l’infanzia funge da mezzo di grande influenza sul pensiero narrativo, uno strumento che costruisce e impregna la nostra percezione e interpretazione di situazioni e azioni, oltre che delle soggettività.

Si rende necessaria un’educazione in grado di accompagnare nel riconoscere le nuove e diverse sfaccettature identitarie, oltre che sociali, che caratterizzano la contemporaneità. Un’educazione capace di rendere vigili le menti per superare gli stereotipi e i pregiudizi, valorizzando le particolarità di ognuna/o. Per questo motivo, le storie per l’infanzia, dagli albi illustrati fino ai cartoni animati, sono uno strumento educativo prezioso e utile nel portare avanti percorsi di consapevolezza, apprendimento e riflessione sul tema di genere.

Pertanto, è urgente considerare criticamente l’influenza delle storie che, in quanto potenti strumenti, non semplicemente di intrattenimento, incidono su una precisa percezione dei canoni di genere.

Docente: Farnaz Farahi

Laureata in Scienze dell’Educazione presso Alma Mater Studiorum-Università degli Studi di Bologna, Assegnista di Ricerca e Dottore di Ricerca (PhD) presso l’Università degli Studi di Firenze.

Ha approfondito negli anni diversi ambiti di ricerca tra cui: pedagogia interculturale, educazione all’immagine, media education, relazioni educative, comunicazione efficace, comunicazione con le pluralità familiari nei contesti educativi e scolastici, dinamiche di gruppo, gestione del conflitto, pedagogia dello sport e pedagogia clinica.

Svolge attività di Ricerca, Formazione, Documentazione e Mediazione Familiare presso
l’Istituto degli Innocenti di Firenze in collaborazione con enti pubblici e privati a livello nazionale, regionale e locale, su tematiche inerenti l’infanzia, l’adolescenza e le famiglie.

È Professional Counselor e iscritto all’Associazione di Categoria AssoCounseling. In qualità di pedagogista libera professionista svolge attività di Counseling, docenze, seminari, coordinamento pedagogico, mediazione familiare, supervisione e consulenza su diverse tematiche nell’ambito delle competenze pedagogiche, presso alcune organizzazioni pubbliche e private, in contesti nazionali, regionale e locali.

È iscritta ad associazioni pedagogiche nazionali SIPED (Società Italiana di Ricerca Educativa e Formativa) e SIREF (Società Italiana di Pedagogia).

È autrice di volumi e pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali.

Data e orario

Il corso si svolge online su Zoom il 12 novembre 2022 dalle 9 alle 13. E’ possibile partecipare in differita. Forniamo la registrazione con scadenza 31/03/23.

Destinatari

educatrici, educatori, insegnanti, coordinatori, pedagogisti, e chiunque sia interessato al tema

Attestato

Viene rilasciato un attestato di partecipazione di 4 ore.

Quota di partecipazione

45€ a persona iva compresa

Sconto 10% per gruppi da 3 persone in su. E’ possibile pagare con carta docente, bonifico, carta di credito. 

INSERISCI NEL CAMPO IL NUMERO DI PARTECIPANTI

Have no product in the cart!
0